Google+

Gnocchi al pesto genovese - The Kitchen Tales of Wally

The Kitchen Tales of Wally

Follow Us

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gnocchi al pesto genovese

ricette
Gnocchi al pesto genovese
Ingredienti
  • 800 g di patate rosse

  • 240 g di farina 00

  • 200 g di pesto genovese

  • 40 g di pinoli tostati
  • 4 cimette di basilico
  • 1 uovo
  • Q.B. olio EVO, sale e pepe
Caratteristiche
  • Tipologia:        primi vegetariani

  • Difficoltà        ««

  • Costo               €  €     

  • Tempo di preparazione         90 min

  • Tempo di cottura              40+5 min

  • kcal/100 gr                             N.D.


Attrezzature utilizzate

Schiacciapatate, rigagnocchi, spatola, ciotola,

Cottura: FORNELLO


Partendo da acqua fredda lessate le patate per 30-40 minuti (verificate con una forchetta), quindi sbucciatele (1) e quando ancora calde schiacchiatele con lo schiacciapatate allargando per fare rafferddare. Una volta raffreddate aggiungete una parte della farina e l'uovo (2-3). Iniziate ad impastare velocemente e se necessario aggiungete farina.



Preparate un panetto (4) e lasciate riposare per mezzora. Dividete in porzioni lavorabili l'impasto (5), spolverizzate di farina il ripiano, quindi lavorate con le mani fino a formare un rotolino del diametro di due centimetri (6). Aiutandovi con   




la spatola, tagliate a pezzetti i rotolini di impasto (7), passateli con il rigagnocchi formando la classica conchetta (8). Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua. Ponete gli gnocchi su di un vassoio rigato per pasta fresca; quando l'acqua bollira aggiungete il sale e un cucchiaio di olio. Aggiungete gli gnocchi (9) e quando questi ultimi




saliranno a galla, scolateli in una ciotola e aggiungete metà del pesto (10). Mescolate velocemente (11), servite nei piatti con un cucchiaio di salsa e decorate a piacimento. Completate con i pinoli tostati e una cimetta di basilico (12).




Nessun commento
Consigli e curiosità

Giovedì gnocchi? Ma assolutamente no! Anche negli altri giorni ovviamente... dopo questa freddura, vi chiedo se anche voi adorate questa preparazione come il sottoscritto. Ricordo che da bambino quando si preparavano in famiglia ero solito rubarne qualcuno dai vassoi per mangiarlo crudo. Bei ricordi di profumi e sapori che ancora oggi ricordo con nostalgia. Tornando al nostro piatto, è di una semplicità ineguagliabile. Fateli da voi in casa magari con i vostri bambini e conditeli con un buon pesto genovese casalingo... sicuramente farete tutti felici e trascorrerete  piacevoli momenti. Qualche consiglio: usate patate vecchie mai le nuove, schiacciatele a caldo (NO PASSAVERDURE) e unitele alla farina solo quando fredde.

Vino consigliato: Vermentino DOC - CASCINA NIRASCA

 
 
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu