The Kitchen Tales of Wally
Vai ai contenuti

Menu principale:

Coniglio alla ligure

ricette
Ingredienti
  • 1 coniglio (1,2 - 1,5 kg)

  • 1 kg di patate

  • 250 g di cipolle rosse

  • 75 ml di vino rosso (rossese di Dolceacqua)

  • 60 g di olive taggiasche

  • 30 g di mirepoix

  • 20 g di olio extra vergine di oliva

  • 1 mazzetto di erbe aromatiche

  • 1 dote per brodo

  • 2 spicchi d'aglio

  • Q.B. sale e pepe

Caratteristiche
  • Tipologia:        Secondi di carne

  • Difficoltà        ««

  • Costo               €  € €     

  • Tempo di preparazione          30 min

  • Tempo di cottura             40+50 min

  • kcal/100 gr                             N.D.


Attrezzature utilizzate

Teglia, tegame ampio, pelapatate, ciotole, coltello per disosso o forbice a troncare

Cottura: Fornello+forno

Sgrassare e tagliare a pezzi il coniglio (1), tenendo da parte il fegato e la testa, lavate sotto l'acqua il coniglio per un paio di minuti, quindi preparate il brodo con la testa del coniglio e la "dote" di verdure e spezie (2). Portate a bollore e cuocete per 40 minuti schiumando. Trascorso questo tempo il brodo sarà pronto per l'ulilizzo, aggiungete l'olio nel tegame e aggiungete la mirepoix e l'aglio rosolando per un paio di minuti (3). Asciugate il coniglio e aggiungetelo    




nel tegame (4); rosolatelo per bene da entrambe le parti, quindi aggiungete i pinoli (5) e sfumate con il vino rosso (6)



ponete in mezzo ai pezzi di coniglio il mazzetto di odori legati e aggiungete le olive taggiasche. Da questo punto in poi, quando necessario allungherete un mestolo di brodo dentro il tegame (8), procedendo con la cottura per 50 minuti a fuoco basso. Tritate uno spicchio d'aglio con il rosmarino ed un poco di sale (9) e preparate le patate




pelandole e tagliandole a pezzettoni; sbucciate e affettate le cipolle rosse, quindi riunite il tutto dentro la teglia (10). Aggiungete olio e trito, mescolate, quindi infornate a 200° per 40 minuti. Terminate la cottura di coniglio e patate quindi aggiustate di sale e servite immediatamente.





Nessun commento
Consigli e curiosità

Una versione un poco più light di quella originale che prevede di spolpare la testa del coniglio lessata e aggiungerla insieme al fegato sbollentato leggermente in un mortaio per ridurli in una salsa densa. Quest'ultima diluita in un poco di brodo andrà aggiunta al coniglio a metà cottura. Inoltre è tradizione ponentina imperiese aggiungere noci allo "stufato" di coniglio. Senza nulla togliere a questa prelibatezza per veri intenditori, potete ora capire perchè abbiamo preferito questa versione.    

Vino consigliato: Rossese di Dolceacqua DOC - RAMOINO

© 2014-2017 The Kitchen Tales of Wally by Zanirato Walter  vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza autorizzazione scritta
Torna ai contenuti | Torna al menu