The Kitchen Tales of Wally
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cooking style

Non posso che prenderne atto, ormai per un motivo o per l'altro, la cucina di tendenza è biologica ed ecosostenibile. Nascono come funghi i ristoranti bio dove è possibile gustare piatti di dichiarata e certificata provenienza biologica prodotti integrali, ecosostenibili, vini.
Si gusta ma in alcuni casi si può anche acquistare con una piccola vetrina a disposizione dei clienti.
La cosa parte da lontano; sono tendenze nate alcuni anni fa nei paesi del nord europa e nord america, che piano, piano hanno preso piede anche da noi.
Ma per quale motivo dovremmo scegliere biologico? Vi rispondo in maniera molto semplice. I cibi biologici sono coltivati in maniera naturale senza uso di concimi chimici, pesticidi e ciò si traduce in cibi più genuini, privi delle tossine impiegate normalmente in agricoltura; privi di veleni e ricchi di sapore.
Le aziende che coltivano bio sono controllate continuamente e se certificate ancora di più. I protocolli da seguire sono molto rigidi e seguono tutto il ciclo dell'azienda ; dalla preparazione dei terreni per la semina (che devono essere privi di contaminazioni da almeno tre anni), all'assoluto divieto d'impiego di fertilizzanti chimici, insetticidi, pesticidi ed antibiotici. La conservazione, la lavorazione gli imballi devono anche loro essere privi di sostanze chimiche.
Tutto viene trascritto in registri dettagliati, in maniera tale si riesce a controllare tutta la catena di fornitori e produttori ed avere quindi la famosa tracciabilità.
Avete mai provato la differenza tra un pomodoro coltivato in maniera massiva ed industriale ed uno bio, magari del vostro orto? Spero tanto di si, perchè aspetto a parte, il gusto è davvero unico così come il contenuto di sostanze nutritive. Insomma, tirando le somme, direi proprio che vale la pena consumare cibi biologici; sicuramente ne godremo di salute e di gusto.

  

Biologico o Biodinamico?

E se vi dicessi che sono le due facce della stessa medaglia? Certo, perchè di solito chi pratica agricoltura biologica, sicuramente applica concetti biodinamici. "Bio che?" vi chiederete voi; La biodinamica può considerarsi una pseudoscienza. Si basa su concetti ancestrali di rotazioni di culture, influenze lunari, aggregazioni metafisiche su concetti di sistemi sostenibili in agricoltura e energia vitale degli alimenti. Si parla di bioenergia, ma sono essenzialmenti concetti astratti per gli scienziati. Non possiamo misurare queste forze, tuttavia molti praticano agricoltura biodinamica. Tutti i contadini controllano le fasi lunari per le semine, ma il concetto e di considerare la nostra Terra, "Gaia" un organismo vivente a tutti gli effetti che genera frutti con qualità in funzione anche dell'amore e del rispetto mostrato verso di essa, ovvero in parole molto semplici siamo un tuttuno cosmico e interagiamo con tutto quello che ci stà intorno. Sono virtuosismi che esistono dai tempi dei tempi, li praticavano popolazioni ormai estinte e parliamo di migliaia di anni fa. Ora li ritroviamo molto attuali, soprattutto al nostro tempo, dove inquinamento, sfruttamento della terra e guerre sul cibo ci insegniano quanto sia delicato il nostro pianeta.

Vi abbraccio.

         
Wally

© 2014-2017 The Kitchen Tales of Wally by Zanirato Walter  vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza autorizzazione scritta
Torna ai contenuti | Torna al menu